Un viaggio a Mantova

Un viaggio a Mantova

Città capitale italiana della cultura nel 2016, Mantova è stata la meta di un nostro recente viaggio nei luoghi più emblematici del territorio italiano. Abbiamo avuto l’opportunità di scoprire anche una Mantova meno nota, quella collegata alla presenza storica e attuale dell’Ebraismo.

Il ghetto ebraico di Mantova venne costituito fra il 1610 e il 1612, circa un secolo dopo quello di Venezia. Fu uno degli ultimi Ghetti italiani ad essere creato. Ne ordinò la strutturazione Vincenzo I Gonzaga su richiesta di Papa Clemente VIII. In quegli anni i capifamiglia ebrei residenti in città erano 480, per un totale approssimativo di 2000 persone, circa l’8% della popolazione urbana. Nella prima metà del Seicento, il ghetto mantovano contava 12 sinagoghe. Nel 1630 fu saccheggiato dai Lanzichenecchi, gli Ebrei fuggirono e fecero ritorno in città soltanto mille individui, a causa anche della peste che accompagnò la calata lanzichenecca.

Dopo un periodo di rinascita, nell’Ottocento iniziò un degrado e, dalla fine di quel secolo, una necessaria opera di “sventramento”, comprendente espropriazioni e demolizioni. In occasione di quei lavori, nel 1908 emerse uno straordinario ritrovamento: abbattute le case che la nascondevano, risultò ancora esistente la Rotonda di San Lorenzo, edificio di culto di origine romana del XI secolo. Proprio in prossimità della Rotonda era stata disposta una delle 4 porte di accesso al ghetto. A fronte di un ritrovamento straordinario, proseguiva intanto la distruzione non soltanto di edifici fatiscenti, ma anche ritenuti ìinutiliî. Fu il destino delle sinagoghe, compresa la Sinagoga Grande che si trovava nell’attuale via Scuola Grande (la parola “scuola” indica proprio la presenza della sinagoga), là dove oggi esiste un hotel.

La Sinagoga Norsa Torrazzo venne smantellata e ricostruita in Via Govi al numero 13. Si tratta dellíunica Sinagoga oggi esistente in Mantova e punto di riferimento imprescindibile per le visite ai luoghi ebraici della città. Oltre a quanto resta degli edifici del Ghetto nel quadrilatero ideale alle spalle della Rotonda di San Lorenzo, altre situazioni testimoniano la presenza ebraica e veicolano il rapporto della comunità con la città. E’ il caso, ad esempio, della tela “Madonna con famiglia di Ebrei” che si trova nella seconda cappella a destra della Basilica di Sant’Andrea. Il dipinto, di scuola lombarda e realizzato nei primi decenni del ‘500, evoca la vicenda della distruzione della casa Norsa e l’edificazione al suo posto della chiesa di Santa Maria della Vittoria, oggi sconsacrata e sede di associazioni culturali, fra le attuali Via Fernelli e Via Monteverdi. La chiesa fu costruita fra il 1495 e il 1496 in luogo dellíabitazione del banchiere ebreo Daniele Norsa, il quale pochi anni prima, nel 1493, aveva fatto cancellare dalla facciata della casa un affresco dedicato alla Madonna con bambino. Líira della popolazione cristiana, sostenuta dal clero locale, spinse il marchese Francesco II a ordinare che l’effige sacra fosse ridipinta a spese dei proprietari della casa. Fu incaricato del lavoro Andrea Mantegna. Tale disposizione però non accontentò l’entourage del marchese, che infine si risolse a imporre l’abbattimento della casa e a avviare líedificazione di una chiesa che ricordasse la sua vittoria nella battaglia di Fornovo. Il quadro dipinto dal Mantegna, oggi conservato al Louvre, su richiesta del Marchese non comprendeva immagini della “punizione” assestata ai Norsa. Da cui, alcuni decenni dopo, la realizzazione della tela che si trova ora in Sant’Andrea e dove sono ben evidenti 4 figure di ebrei, corrispondenti a Daniele Norsa, al figlio e alle rispettive mogli, contriti per la distruzione della loro abitazione. Un fregio sopra il capo della Vergine reca la scritta ìDebellata Hebraeorum temeritateî. Attualmente la comunità ebraica mantovana, che subì fra l’altro la deportazione di 104 persone nei Lager (soltanto 5 di queste fecero ritorno a Mantova), comprende una settantina di iscritti, di cui circa una ventina residenti e abitualmente presenti agli incontri comuni. Le vestigia dellíex Ghetto rappresentano però una delle “risorse” culturali cittadine, un patrimonio di storia valorizzato sia dalle istituzioni locali sia dalla Comunità Ebraica Mantovana, di cui è Presidente Emanuele Colorni.

Sul piano culturale, la conoscenza della tradizione ebraica in città contempla anche iniziative di carattere enogastronomico, che ben testimoniano le afferenze fra le due consuetudini alimentari, caratterizzate dallíuso degli stessi alimenti e ingredienti secondo preparazioni diverse e, nel caso di ricette ebraiche, secondo una precisa sequenza di azioni rituali.

Luisa Ceravolo
Paolo Del Freo

24 elementi)