Presentazione “De Turribus Tenebrarum” – Vada 15 marzo

Giovedì 15 marzo alle ore 18.00 presso il Frantoio “Il Casone Antico”, in Via Aurelia Sud 52 a Vada (LI), sotto l’egida dell’Ateneo Tradizionale Mediterraneo, si terrà la presentazione del libro di Luigi Pruneti:

De Turribus Tenebrarum
L’enigma delle torri maledette

prefazione di Manlio Triggiani
Illustrazione di copertina di Adriano Monti Buzzetti
L’Arco e la Corte ed., Bari 2017

con la presenza di Luigi Pruneti

seguirà cena, costo 25eu
per prenotazioni cena
tel. Enrico 0586.786020

Link alla locandina dell’evento in formato PDF

Link Frantoio “Il Casone Antico”:
Pagina Facebook
Sito web
Indicazioni stradali

Presentazione “De Turribus Tenebrarum” – Firenze 27 febbraio

Martedì 27 febbraio alle ore 18.00 presso la Libreria Salvemini, in Piazza Gaetano Salvemini 18 a Firenze, sotto l’egida dell’Ateneo Tradizionale Mediterraneo, si terrà la presentazione del libro di Luigi Pruneti:

De Turribus Tenebrarum
L’enigma delle torri maledette

prefazione di Manlio Triggiani
Illustrazione di copertina di Adriano Monti Buzzetti
L’Arco e la Corte ed., Bari 2017

con la presenza di Luigi Pruneti

Link alla locandina dell’evento in formato PDF

Link Libreria Salvemini:
Pagina Facebook
Sito web
Indicazioni stradali

Parole e Immagini “Omaggio a Remo Pagnanelli”

Inaugurata la preziosa mostra  alla Biblioteca Comunale Mozzi-Borgetti di  Macerata, piazza san Giovanni.

“I colori della poesia in mostra – IO, REMO”

15 artisti invitati   (vedi locandina allegata) che hanno magistralmente illustrato le poesie del poeta Remo Pagnanelli

(Macerata, 6 maggio 1955 – Macerata, 22 novembre 1987).

Una mostra ben curata in particolar modo nell’allestimento, un ringraziamento va all’Associazione culturale”Remo Pagnanelli” con la collaborazione di Art Club Studio.

Sono intervenuti: Roberto Cresti,  Guido Garufi, Stefania Monteverde, Sabina Pagnanelli, Domenico Sirocchi, Daniele Taddei.

Una mostra davvero significativa dove 15 Artisti interpretano e rappresentano il pensiero di REMO PAGNANELLI per non dimenticarlo ricordandone tutta la sua sensibilità, curiosità e spiritualità. 15 Artisti dai linguaggi diversi, dai percorsi diversi, dai supporti diversi, dalle tecniche diverse, dai pensieri diversi, ebbene tutte queste differenze fanno di questa mostra un raro esempio di sapienza e di creatività che albergano del territorio. Il territorio non sempre è generoso con gli Artisti, spesso non agevola il percorso ed il riconoscimento, ma in questa mostra, in questo incontro magico tra poesia e arte visiva si è raggiunto un risultato encomiabile , destinato a far parlare di se anche in ambiti nazionali, ancora una volto lo stare assieme ritorna premiante, alimentando l’entusiasmo e la passione, alla base di ogni manifestazione artistica.

3 elementi)